It Takes Two – Intervista/interview for Merry Crafts’mas @Details / Mini Expo di Natale

I workshop del 6-7 dicembre – “Merry Crafts’mas @Details – Mini Expo di Natale”

Vincitori della selezione per il “Merry Crafts’mas @Details – Mini Expo di Natale”

LABORATORIO Domenica 7 Dicembre

ore 17:00 – 18:00 Cuori di lavanda, pavese (bunting), borsettine in tessuto

PRENOTAZIONE: ittakestwostudio@gmail.com

10547652_1506224676276629_6437093028652991794_n

Photo credit: Lorenzo Manes

Abigail e Rosie have been so kind as to answer our questions in both English and Italian.

WazArs: Dove siete nate e cresciute e dove risiedete ora? / Where were you born and raised and where do you live now?

Jessica Rose Mence & Abigail Higgins: It Takes Two was created by two British expats, Abi & Rosie who have been living in Ferrara, Italy, for several years. Rosie is originally from the Isle of Wight and Abigail is from Lancashire in the North of England. We both came to Italy for the first time to study and then we came back to work and met in Ferrara in 2012.

It Takes Two nasce dalla creatività di Abi e Rosie. Siamo due espatriate britanniche ed amiche e viviamo a  Ferrara da diversi anni. Rosie proviene dall’isola di Wight, Abigail dal Lancashire, nel nord dell’Inghilterra. Abbiamo conosciuto l’Italia per motivi di studio e pochi anni dopo ci siamo tornate per lavoro. 

Qual è stata l’influenza di questi “vostri” luoghi sulle vostre creazioni? / What was the influence of these places on your creative process?

We were both brought up surrounded by nature in the British countryside and we love to spend time outdoors. We are lucky to both have creative mums, who were always creating both in the kitchen and with a needle and thread. We seem to have inherited some of this creativity and the love of the outdoors and nature has firmly stayed with us. Our love of fresh flowers, the great outdoors and scouring flea markets and jumble sales influences the choice of materials we use, as we can’t resist floral, gingham, tartan and romantic style material.

Entrambe siamo cresciute in mezzo alla natura della campagna britannica e amiamo passare il tempo libero all’aperto. Inoltre abbiamo avuto la fortuna di crescere con delle mamme creative, che ci hanno trasmesso negli anni la passione per il cucito e per i lavori manuali. Ci piace scovare nuove cose nei mercatini delle pulci e amiamo i fiori… tutto ciò si rispecchia nelle nostre creazioni, caratterizzate da tessuti floreali e romantici.

tartan collectionQuand’è nata l’idea di dedicarvi alla manualità creativa? Come sono stati gli inizi? Quali le motivazioni? / When did the idea come up, to devote yourselves to creative crafting? How did you start? What were your motivations?

It all started in January 2014 over a cup of coffee and Rosie’s new sewing machine. We decided to make some time in our hectic schedules for some creative output: Whether it’s drawing, painting or cooking, we love to create and the idea of sewing and embroidery appealed to us both. We began to experiment making small bags, laughing at our errors and creating patterns in order to make practical pouches. Paired with our love of rummaging around markets, we started to use old sheets, pillowcases, curtains and any old off cuts we found with an interesting pattern.

Tutto è cominciato a Gennaio 2014 davanti ad un buon caffè, ammirando la nuova macchina da cucire di Rosie. Dopo varie chiacchierate abbiamo deciso di metterci in gioco e dedicare un po’ di tempo alla settimana alla nostra creatività, ritagliandoci degli spazi dai nostri frenetici orari lavorativi. Ci ha sempre affascinato la manualità creativa e l’idea di cucire e ricamare ci ha ispirato a produrre qualcosa di nostro. Abbiamo iniziato a sperimentare con delle piccole e pratiche pochette, ridendo ed imparando dai nostri errori. Questo, insieme alla passione per il vintage, ci ha spinto ad utilizzare materiali di riciclo, quali lenzuola, federe e vecchie tende dalle fantasie più interessanti. 

10600475_1534421946790235_3356131206830925137_nCos’è cambiato rispetto all’esordio? Ci sono state delle lezioni apprese, degli errori da non commettere più? / Has anything changed since then? Have there been any lessons learned, mistakes you don’t want to repeat?

Well, we are still at the beginning of our creative journey, as we have pages full of ideas that are still in the pipeline. We’re very lucky to have had great support from our friends and family since the beginning which has been really important to us, especially when sometimes things haven’t gone to plan!

We’re learning all the time, from what models people like, to how to make our designs more practical.

Hehe, veramente siamo ancora agli inizi del nostro viaggio creativo, e abbiamo ancora tante potenziali  idee da mettere in pratica. Ci riteniamo molto fortunate per aver ricevuto tanto sostengo ed incoraggiamento da parte dei nostri amici e familiari, fin dall’inizio. Questa per noi è stata la cosa più importante, che ci ha spinto ad andare avanti, soprattutto nei momenti peggiori! Ogni giorno impariamo sempre di più, in base a quello che piace di più alle persone, e grazie ai loro preziosi consigli.

Come avete imparato a fare quel che fate? How did you learn to do what you are doing?

We are completely self-taught sewers. Our mums taught us the basis when we were younger but these days we rely on experimentation and inspiration from fellow creatives.

Ci riteniamo completamente autodidatte nel campo del cucito. Le nostre mamme ci hanno insegnato le basi quando eravamo piccole ma adesso ci lasciamo ispirare ogni giorno dall’abilità di altri artisti, grazie ai quali sperimentiamo nuovi percorsi.

mini tartan buntingC’è una filosofia retrostante? È soprattutto la passione a guidarvi? / Is there a philosophy behind it? Or do you allow yourselves to be guided by passion?

Our passion comes from being able to take an unwanted item of clothing or a piece of material and transform it into a modern, useful, practical and aesthetically beautiful object. Often we have quite literally saved unwanted clothing from being thrown into the dustbin and the satisfaction from unpicking and turning the garment into something “new” and wanted, is priceless. Hunting for possible materials at markets and in our wardrobes and coming up with new ideas keeps us busy and pushes us to transform and create new models. The fact that we create completely unique pieces, each one with its own story, forms a bond between us and our creations, and sometimes it is really difficult parting with them!

La nostra filosofia si basa sul riciclo e upcycling: poter prendere un indumento o della stoffa di scarto e trasformarla in qualcosa di moderno, utile, pratico e bello. Spesso abbiamo letteralmente salvato degli indumenti che stavano per essere gettati via e la soddisfazione che ricaviamo dallo scucirli e trasformarli in oggetti “nuovi” e ricercati non ha prezzo.  La  ricerca dei materiali parte dai mercatini o dai vecchi guardaroba è ciò ci riempie di entusiasmo e ci invoglia alla creazione di nuovi oggetti. Ogni pezzo è unico e particolare e ciascuno di essi racconta una sua storia … da cui molte volte è difficile separarsi!

Perché vi chiamate “It takes two?” / What is the meaning of your name?

One evening, while we were stitching, we were talking about what we could call ourselves and after numerous lists, we hadn’t come up with anything that we liked. Then we started laughing about how, on our own, we wouldn’t be able to produce even one bag in the same way as we do together: Abi had a steadier hand for hand embroidering, while Rosie was better at lining the bags. From here “It takes two” was born. Literally “ne servono due” and it seemed absolutely perfect for us. From the name came our logo of the heart made up of two twos opposite each other.

Una sera mentre stavamo cucendo e pensando ad un nome da darci, ci siamo messe a ridere sul fatto che l’aiuto di entrambe era necessario per la creazione delle pochette: Abi aveva la mano più ferma per cucire a mano, mentre Rosie era più pratica nel foderare le borse…E proprio li è arrivata l’illuminazione: “It Takes Two”, letteralmente “Ne servono due” e questo nome ci è sembrato perfetto da subito. Da qui è  nato anche il nostro logo: un cuore creato dalla simmetria del numero due.

10416614_1506224579609972_2212926646968056671_nDi cosa non potreste fare a meno nella vostra attività? Tell us what you couldn’t do without!

One another! We create together and especially at the beginning, this was fundamental. Together we help each other along and we encourage each other. We wouldn’t be able to do the same by ourselves.

Dell’una e dell’altra! Fin dall’inizio abbiamo unito le nostre forze per creare assieme i primi lavori. In due ci diamo la forza, ci aiutiamo e ci incoraggiamo…Non potremmo fare lo stesso lavorando da sole…

Qual è il vostro stile? Ci sono dei modelli a cui vi ispirate? How would you describe your style? Are there any crafters that you look up to for inspiration?

Our stile is quite typically British, with clashing florals, spots and tartans. We are constantly inspired from successful brands such as Cath Kidston and Jo Edwards who combine simple designs with beautiful fabrics to create really pleasing and useful bags.

Il nostro si avvicina abbastanza allo stile britannico, con motivi floreali, pois e tessuti scozzesi. Ci siamo lasciate ispirare da alcuni brand di successo anglosassoni come Cath Kidston e Jo Edwards, che combinano semplici fantasie con tessuti belli e ricercati, per creare delle borse piacevoli e pratiche. 

Ci sono delle cose che fate per rendere il vostro ambiente di lavoro più piacevole, accogliente, stimolante? What do you do to make your workspace more pleasant, welcoming, and inspiring?

Truthfully, for now we are just creating at home, we haven’t got a real workshop. This means we take over the kitchen table when we have a couple of hours free. We like to make mood boards and lots and lots of lists to organise our thoughts and keep us focused on our products. We would love to eventually have a workspace dedicated to It Takes Two where we can keep our sewing machines permanently out of their boxes, with shelves full of lovely materials and jars full of buttons, ribbons and zips, but at the moment this isn’t possible.

In realtà per ora creiamo nelle nostre case, non avendo un vero laboratorio…E così occupiamo il tavolo da cucina quando abbiamo un paio di ore libere! Di solito cerchiamo di buttar giù le nostre idee su carta così da organizzare i nostri  pensieri e rendere al meglio i nostri prodotti. Un giorno ci piacerebbe tanto avere un laboratorio dedicato alla nostra attività, dove sistemare in modo permanente le nostre macchine da cucire, riempire gli scaffali con tessuti e vasetti pieni di bottoni, nastri e cerniere, ma per ora tutto ciò rimane ancora un sogno.. 

10414857_1534422073456889_3514011432581432744_nDa dove traete ispirazione, in genere? Where do you look for inspiration?

From everything…from colours in the markets, Instagram, old bags and especially old materials. Instagram has proved a very useful resource for us and provides inspiration every day. There are so many brilliant creatives out there and it is great seeing where people work, how they work and the things that they produce; a little insight into what goes on behind the scenes. 

Da tutto…dai colori nei mercatini, da Instagram, da vecchie borse e soprattutto dalle vecchie stoffe. Instagram si è dimostrato una risorsa molto utile per noi e ogni giorno ci fornisce delle idee…Ci sono tante persone creative fantastiche in giro ed è bello vedere dove lavorano, come lavorano e cosa producono; una piccola finestra sul mondo.   

Quand’è che vi sentite più ispirate, più creative, di solito? When do you feel the most inspired and creative?

We started It Takes Two as a way to escape from the stresses of work and day to day life and on many occasions we manage to be inspired and motivated in moments of stress, as a way to wind down and relax. Our most creative ideas come to us when we are together and throwing suggestions at each other.

Abbiamo iniziato a creare per passione ma anche come antistress, per sfuggire al tram tram della vita quotidiana…e succede proprio che tante volte ci sentiamo maggiormente ispirate in questi momenti di stress e così ci ritagliamo i nostri spazi per rilassarci e creare…Solitamente le idee migliori sono sempre nate confrontandoci l’un l’altra… 

Siete riuscite a trovare un metodo di lavoro, un modo per organizzare al meglio tempi e spazi? / Did you manage to find a way to keep your space and time organized?

We have a very flexible work philosophy and we adapt in and around each others busy work schedules. At the moment we meet up when we can, usually with a bag full of prototypes and new material to show each other. We have our straw suitcase that follows us everywhere that is full of everything and anything from notes and ideas to zips and buttons. 

Il nostro lavoro è molto flessibile e spesso ci adattiamo a vicenda rispetto ai nostri orari ufficiali di lavoro. Di solito ci troviamo un paio di giorni a settimana, con modelli e stoffe nuove da mettere a confronto! Viaggiamo da una casa all’altra con la nostra valigetta piena di materiali, appunti, idee, cerniere e bottoni…. 

Come reagite ai blocchi creativi, le pause involontarie nell’ispirazione? / How to you deal with creative blocks?

We compensate each other quite well and we help each other when we have creative blocks. It often happens that when one of us is extremely busy and can’t dedicate much time to creating, the other is always there to help and keep up with our deadlines. We rely on each other.

Ci compensiamo abbastanza e ci aiutiamo nei blocchi creativi…Spesso capita che una di noi abbia un periodo più impegnativo rispetto all’altra, ma è proprio allora che ci sosteniamo e contiamo l’una sull’altra.

it_takes_twoViviamo in un mondo di produzione e consumo massificati e istantanei. C’è ancora un futuro per la manualità? / We live in an economy based on mass-produced disposable products. Is there a future for manual crafting skills?

We  think so! We’ve never been fans of mass produced objects, as we look for the unique…We like to create objects with a story….Maybe a grandma’s skirt along with a zip from an old British haberdashery come together to form a modern make up bag. None of our bags are the same, each one carefully made… There also seems to be a change in people’s attitudes recently and people appear to be willing to buy objects that have been made with skills and passion. 

Pensiamo di si! Non siamo mai state appassionante della produzione di massa e per questo cerchiamo sempre cose uniche e particolari. Ci piace creare degli oggetti con una storia…magari una gonna di una nonna insieme ad una cerniera che acquistata da una merceria storica britannica formano un beauty case moderno. Nessuna delle nostre pochette è uguale alle altre e sono tutte fatte con tanta cura. Oggigiorno sembra cambiato anche l’orientamento delle persone verso gli acquisti…Sembrano più propense a comprare degli oggetti artigianali, creati con cura e passione. 

Mini Expo della Creatività on/su Pinterest

Advertisements

Leave a Reply - Cosa ne pensa?

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s