Chiara Coller (Lumacamilla) intervistata per il Merry Crafts’mas @Details – Mini Expo di Natale

10836324_10152880161370859_451030592_nI workshop del 6-7 dicembre – “Merry Crafts’mas @Details – Mini Expo di Natale”

Vincitori della selezione per il “Merry Crafts’mas @Details – Mini Expo di Natale”

LABORATORIO Domenica 7 Dicembre

ore 11:30 – 12:30 “Ghirlanda pop per un Natale al top”

PRENOTAZIONE: chiara@pixelcartoon.it

Maria Cristina Betzu, Un set per Lumacamilla…la vita come un film, la Voce del Trentino, Venerdì 21 Novembre 2014

*****

INTERVISTA A CURA DI WAZARS

Dov’è nata e cresciuta e dove risiede?

Sono nata e cresciuta in un paesino il cui nome sembra uscito da una favola, “Roverè della Luna”, ma a 15 anni mi sono trasferita in città, a Trento, dove vivo tuttora.

Qual è stata l’influenza di questi “suoi” luoghi sulle sue creazioni?

10407362_1521107138137204_8745722485428433543_nAvere dei genitori che amano l’arte e riescono a trasmetterti questa passione è una gran fortuna, ed io l’ho avuta. Un papà che disegna, una mamma che dipinge e crea i tuoi vestitini sono un ottimo stimolo per mettere in moto la testolina e le manine di una bimba curiosa di sperimentare. Io e mia sorella (quel gran genio creativo che conosciamo come “TULIP“) passavamo le giornate a costruire i nostri giochi, con l’aiuto della mamma, in compagnia delle sue amiche che sferruzzavano o cucivano…da qui nasce il mio amore per la creatività.

Quando ero piccola giocavo a costruire i miei giochi ed ora, che sono meno piccola, almeno esteriormente, gioco a costruire oggetti che portino allegria anche agli altri.

10645306_810560065632686_4095334843933660302_nCos’è cambiato rispetto all’esordio? Ci sono state delle lezioni apprese, degli errori da non commettere più?

Credo che la cosa più importante sia quella di ascoltare se stessi, quello che siamo, che vogliamo fare ed esprimere, senza farsi condizionare da nulla. Solo così nascono le cose più belle, più “vere”, quelle che arrivano dritte al cuore di chi le guarda perché in queste c’è il cuore di chi le ha fatte.

Il tempo e il sostegno di chi ama la mia parte bambina mi hanno aiutato ad avere più fiducia in me stessa e ad essere più libera.

Come ha imparato a fare quel che fa?

1º Sperimentare è la cosa più bella che esista.

2º La soddisfazione di riuscire a fare una cosa da soli è impagabile.

3º Sono una gran testona!

Inutile quindi dirvi che sono un’autodidatta. Dagli sbagli si impara molto (è una gran verità!) e nascono anche delle cose fantastiche, originali, che forse non scopriresti se non facessi degli errori. Osservo, ascolto, leggo e cerco di immagazzinare tutte queste informazioni nella mia testa, poi, all’occorrenza, se la memoria non mi tradisce, frullo tutto e mi lancio!

Sperimentare significa crescere.

10320463_816689655019727_4553747868679353332_nC’è una filosofia retrostante? È soprattutto la passione a guidarla?

La mia passione sfrenata per i bambini e per il loro magico mondo credo sia nata assieme a me. Quando ho visto arrivare quel piccolo vestito da draghetto che si è avvicinato al mio banco e gli si sono illuminati gli occhi guardando la coda da drago che avevo cucito, sono rimasta incantata ad osservarlo…vederlo sculettare fiero della sua nuova coda mi ha riempito il cuore. Sono emozioni come queste a guidarmi.

Qual è il suo stile? Ci sono dei modelli a cui si ispira?

Mi annoio facilmente delle cose e amo i cambiamenti, tengono sempre alto l’entusiasmo e sono stimolanti. Mi piace pensare che non saprò cosa succederà in futuro, siamo in continua evoluzione, ma due cose non ho mai abbandonato: il colore e la semplicità.

Ci sono delle cose che fa per rendere il suo ambiente di lavoro più piacevole, accogliente, stimolante?

La musica è fondamentale, è la miglior compagna di lavoro. Il colore non manca, il mio mondo non è in bianco e nero, nemmeno seppia. Gli amici vanno e vengono, con un dolcetto, un aperitivo (o una tisana  quando si fanno le ore piccole) e tante risate.

Da dove trae ispirazione, in genere?

Dalle cose più disparate, da tutto, dai sogni.

10689912_808882649133761_4958253281750796462_nQuand’è che si sente più ispirata, più creativa, in genere?

In genere quando sono stressata, sento il bisogno di creare e di rilassarmi concentrandomi sulle cose che amo fare, oppure quando c’è una scadenza e il tempo stringe.

È riuscita a trovare un metodo di lavoro, un modo per organizzare al meglio tempi e spazi?

Ah ah, il tempo! Il mio più grande nemico. Io e l’orologio siamo tarati in modo diverso, non è colpa mia, ma sto lavorando per trovare una soluzione! Per quanto riguarda gli spazi invece funziona meglio, sono finalmente riuscita a crearne uno tutto mio, che io chiamo “il mio regno”, dove c’è tutto il mio immenso mondo creativo.

Come reagisce ai blocchi creativi, le pause involontarie nell’ispirazione?

Ci sono momenti in cui uno ha 1000 idee al giorno e altri in cui ne ha solo 999…non è così grave, magari è solo il momento di fare un viaggetto, sicuramente questo farà nascere nuovi stimoli.

Viviamo in un mondo di produzione e consumo massificati e istantanei. C’è ancora un futuro per la manualità?

…secondo voi? Non sarei qui a rispondere a queste domande se non credessi nel futuro della manualità.

10174848_812887882066571_392829523254939623_n
Mini Expo della Creatività su Pinterest

Advertisements

Leave a Reply - Cosa ne pensa?

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s